Whistleblowing e procedimento disciplinare

Whistleblowing e procedimento disciplinare

Non sai se nel corso del procedimento disciplinare instaurato a carico di un tuo dipendente in seguito ad una segnalazione Whistleblowing dovrai o meno rivelare il nome del segnalante per garantire il diritto di difesa del segnalato?

La risposta è no, nel caso in cui, ricevuta la segnalazione, in Azienda siano state effettuate ulteriori indagini finalizzate ad accertare che il dipendente abbia effettivamente posto in essere la violazione segnalata e che siano stati così raccolti ulteriori elementi a carico del lavoratore.

La risposta è sì, nel caso in cui la contestazione disciplinare sia fondata in tutto o in parte sulla segnalazione e conoscere l’identità del segnalante sia indispensabile per permettere al segnalato di difendersi nel procedimento disciplinare a suo carico.

Ma ricorda sempre: Per rivelarne l’identità dovrai ottenere il consenso espresso del segnalante!

 

Articolo redatto in collaborazione con l'Avvocato Giuslavorista Roberto Scandamarro -"Loyce Legal".

Torna indietro

Dr Mirko Udovich
Autore Dr. Mirko Udovich
Founder e socio amministratore

Attuale Contributo

Conflitto aziendale: Licenziamento in vista a causa del furto del cellulare?

Un tuo dipendente ha chiesto l’intervento delle forze dell’ordine in azienda sostenendo che qualcuno gli avrebbe rubato il telefono cellulare e dalla successiva visione dei filmati delle telecamere di videosorveglianza è emerso che ad impossessarsene è stato un suo collega che ora intendi licenziare?

Leggi tutto

Codice Disciplinare e Assenze Ingiustificate

Il tuo dipendente è assente ingiustificato da ormai una settimana, ma non hai affisso il codice disciplinare in azienda e non sai come comportarti perché temi che una eventuale sanzione disciplinare potrebbe essere vittoriosamente impugnata dal lavoratore?

Leggi tutto